SIRIA, LA BIMBA SCAMBIA LA FOTOCAMERA PER UN’ARMA E SI “ARRENDE” AL FOTOGRAFO

Hudea, piccola siriana di 4 anni, scambia l’obiettivo di una macchina fotografica professionale per la canna di un fucile, e alza le mani in segno di resa.
Coloro che condividerono questa immagine furono commossi dalla paura negli occhi della bambina, mentre sembrava fissare la canna di una pistola. Non era una pistola, ovviamente, ma una macchina fotografica. Ma chi ha scattato la foto e qual è la storia dietro di essa? BBC Trending ha rintracciato il fotografo originale – Osman Sağırlı – e gli ha chiesto come sarebbe la storia dietro questa immagine.
La foto ha iniziato a diventare virale quando è stata twittata da Nadia Abu Shaban, una fotogiornalista con base a Gaza. L’immagine si diffuse rapidamente attraverso i social network. “In realtà sto piangendo”, “incredibilmente triste”, e “umanità fallita”, si legge nei commenti. Il post originale è stato ritwittato più di 11.000 volte. L’immagine è stata condivisa anche su Reddit, provocando un’altra effusione di emozioni. Ha ricevuto oltre 5.000 voti e 1.600 commenti.
Accuse che la foto era falsa o che era una messa in scena presto seguirono su entrambi i social. Molti su Twitter hanno chiesto chi avesse scattato la foto e perché fosse stata pubblicata senza alcun riferimento al fotografo. Abu Shaban, l’autrice del tweet ha confermato di non aver scattato la foto e di non sapere chi l’avesse fatto.
Su Imgur, un sito Web per la condivisione di immagini, un utente ha rintracciato la fotografia in un ritaglio di giornale , affermando che era reale, ma scattata “intorno al 2012”. Il post ha anche identificato un fotoreporter turco, Osman Sağırlı, come l’uomo che ha scattato la foto.
La BBC Trending ha parlato con Sağırlı, che ora lavora in Tanzania, per confermare le origini di tale foto e per conoscere la sua storia.
Il fotografo conferma che nell’ immagine c’è una bambina di quattro anni, Hudea. L’immagine è stata scattata nel campo profughi di Atmeh in Siria, nel dicembre del 2014. Adi Hudea, a soli 4 anni, perse suo padre nel bombardamento di Hama. dopo l’accaduto fu trasferita a Camp Atmeh al confine tra Siria e Turchia con sua madre, molto nervosa, e tre fratelli.
“Stavo usando un teleobiettivo, e lei pensava che fosse un’arma”, dice Sağırlı. “Ho capito che era terrorizzata dopo che l’ho scattata e ho guardato la foto, perché si è morsa le labbra e ha alzato le mani. Normalmente i bambini scappano, nascondono i loro volti o sorridono quando vedono una telecamera.” Sono state scattate immagini di bambini nei campi particolarmente rivelatrici, “Sono i bambini che riflettono i sentimenti con la loro innocenza.”
L’immagine è stata pubblicata per la prima volta sul giornale Türkiye, dove Sağırlı ha lavorato per 25 anni, riprendendo guerre e catastrofi naturali al di fuori del paese. All’epoca la foto fu ampiamente condivisa dagli utenti dei social media di lingua turca. Ma ci sono voluti alcuni mesi prima che diventasse virale nel mondo occidentale.
https://www.jedanews.com/siria-la-bimba-scambia-la-fotocamera-per-unarma-e-si-arrende-al-fotografo/
SIRIA, LA BIMBA SCAMBIA LA FOTOCAMERA PER UN’ARMA E SI “ARRENDE” AL FOTOGRAFOultima modifica: 2019-12-31T02:00:10+01:00da terrarealtime
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento